• Società

    Infortunio sul lavoro: come e quando ottenere l’indennità

    quifinanza.it 22 settembre 2018 – Effettuare una prestazione lavorativa può comportare anche dei rischi come un piccolo infortunio, che a seconda della gravità può richiedere un periodo di degenza e di riabilitazione. Per legge, le imprese hanno l’obbligo di assicurare contro infortuni sul lavoro e malattie professionali, tutti i dipendenti presso l’INAIL (Istituto Nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro). Cosa deve fare un lavoratore in caso di infortunio e quali sono le procedure da seguire per ottenere l’indennizzo che gli spetta? In caso di incidente, anche lieve, il dipendente deve avvisare prontamente il datore di lavoro, che a sua volta deve inoltrare la denuncia di avvenuto infortunio all’INAIL. In caso di…

  • Società

    INPS n. 2389/2018 sulle pensioni minime la "quattordicesima"

    Come previsto dall’accordo avvenuto durante il Governo Prodi (legge n. 127/2007 come modificata dall’art.1, comma 187 della legge n. 232/2016) nel mese di luglio è stata corrisposta ai pensionati INPS e IPOST, con età superiore ai 64 anni la cosiddetta “14A mensilità”, a condizione di non superare determinati limiti di reddito personale e con specificati anni di contributi versati. L’importo varia secondo l’anzianità contributiva del pensionato ed è concesso solo sulle pensioni derivanti da versamenti di contributi (obbligatori, figurativi, volontari o da riscatto) e non su quelle d’assistenza. In particolare per l’anno 2018 i limiti per gli ex lavoratori dipendenti sono: anni di contribuzione limite reddito somma aggiuntiva max almeno…

  • Società

    Il mestiere dei sarti

    Essere vestiti secondo i propri gusti e a seconda delle circostanze prima che essere una manifestazione di autonomia decisionale e la risposta ad uno stato di necessità è un fatto di riconosciuta libertà!. Sembrerà superfluo ricordare ai nostri lettori che fra le tante libertà conquistate dall’uomo vi sia appunto quella di vestirsi a proprio piacimento. No! non è esercizio retorico o superfluo se si riflette sul fatto che una volta, non tanto tempo fa vestivamo tutti ……alla marinara. Essere vestiti da altri e in assenza di consenso è stato un infelice e inutile arbitrio, ovvero l’ esercizio di una costrizione equivalente al far indossare una camicia di forza. Si può…

  • Giustizia,  Politica,  Società

    “Dei Diritti e delle Pene”

    In un clima di commiato dalla legislatura che sta volgendo al termine e di celebrazione delle importanti riforme introdotte nel comparto militare, si è svolta lo scorso 25 ottobre presso la Commissione Difesa della Camera dei Deputati l’audizione del Ministro della Difesa On.le Mattarella e del C.S.M.D. Generale Arpino all’interno della indagine conoscitiva sulla condizione militare promossa dalla stessa Commissione. Una occasione importante, dalla quale era lecito aspettarsi dal rappresentante del Governo in particolare, la illustrazione di una strategia politica di intervento in materia, capace di fornire risposte puntuali alle tante attese del personale militare. L’impressione che si ricava dalla lettura del resoconto dei lavori è quella di una generica…

  • Politica,  Società

    Rottamati d’annata?

    E’ del tutto superfluo ricordare quanto lungimirante, pressante, costante e ampio sia stato nel tempo l’impegno di ASSODIPRO e del Nuovo Giornale dei Militari in merito alla questione riguardante la riliquidazione delle indennità operative. Impegno tendente ad una sanatoria legislativa capace di superare quella palese ingiustizia creatasi, a partire dal 1995, in conseguenza dei modificati orientamenti della magistratura amm.va (C.d.S.) che, in precedenza erano sempre stati favorevoli ai militari ricorrenti. A riscontro di tanto impegno (petizione popolare, lettere di sostegno, corrispondenza con l’On.le Ramponi e altri, incontri politici e sindacali ecc.) che ha trascinato un vasto interesse nella società militare, sono state presentate in Parlamento diverse p.d.l. (Manfredi, Lavagnini, Ascierto)…

  • Società

    IMMOBILI: CONSULTAZIONE DELLE BANCHE DATI IPOTECARIA E CATASTALE

    Dalla circolare n. 3/2017 dell’Agenzia delle Entrate L’art. 6 comma 5 della legge n. 44/2012 prevede l’accesso ai servizi di consultazione catastale gestiti dall’Agenzia del territorio/Entrate in modo gratuito e in esenzione da tributi. Considerata la rilevanza dei servizi forniti, si ritiene opportuno diramare i necessari chiarimenti e precisazioni. Modalità di accesso alle banche dati: le disposizioni in materia prevedono una esenzione dal pagamento dei tributi speciali e delle tasse ipotecarie normalmente dovuti per le “visure catastali” in relazione a beni immobili dei quali il soggetto richiedente è titolare, anche in parte, del diritto di proprietà o altri diritti di godimento. L’accesso può avvenire: tramite i servizi telematici disponibili sia…

  • Associazione,  Società

    2009: CONSUNTIVO DI UN ANNO DI ATTIVITA’

    Dai ricorsi per l’equa riparazione agli interventi di solidarietà e tutela L’avvio di uno nuovo anno è, come consuetudine, la circostanza per tracciare un rendiconto sulla attività annuale del sodalizio da trasmettere ai soci come dovere di informazione. Bene! Il 2009, per la dirigenza nazionale del sodalizio, per il Comitato Esecutivo Nazionale, per le Strutture Territoriali e per i diversi Studi Legali che supportano l’impegno non lucrativo di Assodipro, è stato in primo luogo un anno di duro e oscuro lavoro che consentirà a diverse migliaia di soci di beneficiare degli indennizzi relativi ai ricorsi di Equa Riparazione. Un lavoro che nella fase propedeutica al deposito dei ricorsi di Equa…

  • Parlamento Europeo,  Parlamento Italiano,  Società

    Condizione militare: non ci resta che piangere?

    Roma, 28 dic – (di Emilio Ammiraglia – Presidente Assodipro) Sono trascorsi 35 anni da quando i militari cominciarono a manifestare rumorosamente e pubblicamente la propria inquietudine per l’emarginazione sociale che pativano, per la scarsa considerazione istituzionale di cui godevano, per lo stato di arretratezza della loro condizione economica e non per ultimo per il disagio che vivevano a causa di un attempato militarismo che rendeva faticose le relazioni umane e professionali. Condizioni dure che vennero segnalate con coraggio e lucidità da una generazione di militari che con sensibilità avvertì tutto il peso di una vicenda professionale lontana dagli standard (diritti e tutela del lavoro, dignità personale, sociale ed economica…