Società

INPS n. 2389/2018 sulle pensioni minime la "quattordicesima"


Come previsto dall’accordo avvenuto durante il Governo Prodi (legge n. 127/2007 come modificata dall’art.1, comma 187 della legge n. 232/2016) nel mese di luglio è stata corrisposta ai pensionati INPS e IPOST, con età superiore ai 64 anni la cosiddetta “14A mensilità”, a condizione di non superare determinati limiti di reddito personale e con specificati anni di contributi versati.
L’importo varia secondo l’anzianità contributiva del pensionato ed è concesso solo sulle pensioni derivanti da versamenti di contributi (obbligatori, figurativi, volontari o da riscatto) e non su quelle d’assistenza.
In particolare per l’anno 2018 i limiti per gli ex lavoratori dipendenti sono:

anni di
contribuzione

limite reddito

somma aggiuntiva
max

almeno 15 anni

10.331,69

336,00

da 15 a 25 anni

10.440,69

420,00

oltre 25 anni

10.549,69

504,00

Nel caso in cui il pensionato è titolare di più trattamenti previdenziali, il beneficio è erogato unicamente su quello con maggiore anzianità contributiva.
Per i titolari di sole pensioni di reversibilità l’anzianità contributiva è ridotta nell’aliquota di reversibilità (es. 60% se il titolare è il coniuge superstite). La quattordicesima non costituisce reddito né ai fini fiscali né per la concessione di prestazioni assistenziali.
Concorrono alla formazione del reddito anche i redditi esenti e quelli soggetti a ritenuta alla fonte (es. rendite INAIL, pensioni civili, pensioni privilegiate tabellari, pensioni erogate all’estero).
Nel calcolo del reddito annuo non devono, invece, essere considerati:

  • gli assegni al nucleo familiare
  • le indennità di accompagnamento o trattamenti similari
  • la casa di abitazione e relativa pertinenza
  • i trattamenti di fine rapporto
  • le competenze arretrate soggette a tassazione separata
  • le pensioni di guerra, le indennità per i ciechi e quelle di comunicazione per i sordomuti
  • l’indennizzo in favore dei soggetti danneggiati in modo irreversibile da trasfusioni e somministrazione di emoderivati
  • i sussidi economici che i Comuni o altri Enti erogano agli anziani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *