• Associazione

    Orario di servizio: Dalla chiarezza dei principi introduttivi ai tortuosismi delle pratiche applicative

    L’istituto in titolo, introdotto nell’ordinamento militare nell’ormai lontano 1990 dall’art.10 della L.231 e dalla disciplina dei successivi decreti ministeriali di attuazione (25.9.90; 10.12.90, n°192436) nonostante la sua non più giovane età stenta ancora a produrre quegli effetti di armonizzazione e di equità del lavoro militare per i quali era stato voluto dal legislatore e auspicato dal personale dipendente. Ricordare gli assurdi carichi di lavoro che gravavano sulle spalle dei militari, dipendenti di Enti o Unità Operative è storia remota che vale sempre la pena rileggere. Turni professionali, esercitazioni, addestramento, servizi armati e di reparto,cerimonie e rappresentanze istituzionali, si combinavano sovente in una frenesia  senza respiro che non ammetteva riconoscimenti ne…

  • Società

    Il mestiere dei sarti

    Essere vestiti secondo i propri gusti e a seconda delle circostanze prima che essere una manifestazione di autonomia decisionale e la risposta ad uno stato di necessità è un fatto di riconosciuta libertà!. Sembrerà superfluo ricordare ai nostri lettori che fra le tante libertà conquistate dall’uomo vi sia appunto quella di vestirsi a proprio piacimento. No! non è esercizio retorico o superfluo se si riflette sul fatto che una volta, non tanto tempo fa vestivamo tutti ……alla marinara. Essere vestiti da altri e in assenza di consenso è stato un infelice e inutile arbitrio, ovvero l’ esercizio di una costrizione equivalente al far indossare una camicia di forza. Si può…

  • Giustizia,  Politica,  Società

    “Dei Diritti e delle Pene”

    In un clima di commiato dalla legislatura che sta volgendo al termine e di celebrazione delle importanti riforme introdotte nel comparto militare, si è svolta lo scorso 25 ottobre presso la Commissione Difesa della Camera dei Deputati l’audizione del Ministro della Difesa On.le Mattarella e del C.S.M.D. Generale Arpino all’interno della indagine conoscitiva sulla condizione militare promossa dalla stessa Commissione. Una occasione importante, dalla quale era lecito aspettarsi dal rappresentante del Governo in particolare, la illustrazione di una strategia politica di intervento in materia, capace di fornire risposte puntuali alle tante attese del personale militare. L’impressione che si ricava dalla lettura del resoconto dei lavori è quella di una generica…

  • Difesa

    Rapporto As.So.Di.Pro.: Sulla condizione del Personale Militare

    Che lo stato di salute della condizione del personale militare fosse precario era noto a tutti; che chi chiamato a porvi rimedio nell’insieme dei vari soggetti istituzionali (Parlamento, Governo, forze politiche) che concorrono alla soluzione della durevole questione continuasse a pensare che il limite della sopportazione dei militari rispetto ad ogni evidente indifferenza fosse ancora lontano dal manifestarsi nelle forme e con le regole democratiche del nostro ordinamento è questione che desta grande amarezza e sicura incredulità. E’ questione che ci fa riflettere su ciò che la condizione militare era nei remoti anni ’70 quando assunse rilevanza sociale tanto da sfociare in atti parlamentari con l’approvazione nel 1978 della ormai…

  • Politica

    L’As.So.Di.Pro incontra "la Margherita”

    Sulla scorta degli impegni assunti lo scorso luglio dall’On.le Franco Marini circa la necessità di definire stabili relazioni politiche con ASSODIPRO, mediante apposito comitato, il giorno 27 novembre presso la sede del Gruppo Parlamentare della Margherita , la Segreteria del sodalizio (Tuzzi, Ammiraglia, Miceli)  si è incontrata con i referenti Parlamentari On.li Molinari e Carbonella componenti del suddetto comitato. Oggetto dell’incontro, l’individuazione di un metodo di lavoro, idoneo a valorizzare in sede politica, la condizione militare attraverso il contributo delle libere formazioni associative. Ai Parlamentari della Margherita, il Segretario Generale di ASSODIPRO Alberto Tuzzi ha illustrato la natura e le finalità del sodalizio, nonché la sua appartenenza all’EUROMIL, quale riferimento…

  • Politica,  Società

    Rottamati d’annata?

    E’ del tutto superfluo ricordare quanto lungimirante, pressante, costante e ampio sia stato nel tempo l’impegno di ASSODIPRO e del Nuovo Giornale dei Militari in merito alla questione riguardante la riliquidazione delle indennità operative. Impegno tendente ad una sanatoria legislativa capace di superare quella palese ingiustizia creatasi, a partire dal 1995, in conseguenza dei modificati orientamenti della magistratura amm.va (C.d.S.) che, in precedenza erano sempre stati favorevoli ai militari ricorrenti. A riscontro di tanto impegno (petizione popolare, lettere di sostegno, corrispondenza con l’On.le Ramponi e altri, incontri politici e sindacali ecc.) che ha trascinato un vasto interesse nella società militare, sono state presentate in Parlamento diverse p.d.l. (Manfredi, Lavagnini, Ascierto)…

  • Associazione,  Difesa

    I movimenti del personale dell'ex 14° G.R.A.M. di Potenza Picena

    ASSOCIAZIONE SOLIDARIETA’ DIRITTO E PROGRESSO Dei problemi, legati ai trasferimenti del personale dell’ex 14° Gruppo Radar di Potenza Picena (MC) ci siamo occupati nel passato per ricordare la situazione di disagio in cui versavano tutti quei militari che per ragioni personali e comunque obiettive, connesse ad esigenze di famiglia non semplicisticamente superabili erano  costretti ad una dura vita da pendolari per le nuove destinazioni d’impiego (Ferrara ecc….) e al contrario per il rientro in famiglia dopo ogni turno di servizio. Abbiamo anche dato conto, ai nostri lettori, delle preoccupazioni  che assillavano quanti, in attesa di ulteriori e definitivi trasferimenti, erano rimasti a disposizione dell’Amm.ne Aeronautica presso lo stralcio del disciolto…

  • Associazione,  Politica

    Gli incontri Politici di As.So.Di.Pro.

    Sulla scorta degli impegni congressuali e delle indicazioni scaturite dal convegno dello scorso 21 maggio, la Presidenza Nazionale del sodalizio (Ammiraglia-Tuzzi), affiancata dalla dott.ssa Manotti del Nuovo Giornale dei Militari ha riavviato nei giorni 11 e 12 novembre scorsi il confronto con le forze politiche e sindacali allo scopo di ricercare consonanze utili all’affermazione dei temi di fondo che caratterizzano l’attività associativa (Diritti e Riforme) all’interno della condizione militare. Nel registrare negli interlocutori, On.le Bressa (Margherita), On.le Lumia (D,S.) e Sergio Sinchetto (Responsabile Sicurezza e Legalità della CGIL) una nuova attenzione e una modificata disponibilità al dialogo, utili a sostanziare per il futuro il confronto all’insegna  dell’ascolto e del rispetto…

  • Difesa

    Diritti dei Militari – Addio all'orario di lavoro!

    L’orario di lavoro è già stato eliminato, da un punto di vista legislativo, con due provvedimenti entrati in vigore nel 2001. Finora però tali provvedimenti non hanno trovato ancora una piena applicazione per motivi connessi sostanzialmente alla copertura finanziaria. Le norme citate sono le seguenti: Decreto Legislativo 8 maggio 2001, n. 215 Gazzetta Ufficiale n. 133 del 11 giugno 2001 – Supplemento Ordinario n. 142 Art. 29 co. 4. Al personale impiegato in servizi armati e non, al quale non sia possibile concedere recuperi compensativi prima del trasferimento ad altro ente ovvero per imprescindibili esigenze funzionali, puo’ essere corrisposto, in luogo delle predette giornate di recupero, il compenso di alta…

  • Politica,  Società

    Condizione militare: non ci resta che piangere?

    Roma, 28 dic – (di Emilio Ammiraglia – Presidente Assodipro) Sono trascorsi 35 anni da quando i militari cominciarono a manifestare rumorosamente e pubblicamente la propria inquietudine per l’emarginazione sociale che pativano, per la scarsa considerazione istituzionale di cui godevano, per lo stato di arretratezza della loro condizione economica e non per ultimo per il disagio che vivevano a causa di un attempato militarismo che rendeva faticose le relazioni umane e professionali. Condizioni dure che vennero segnalate con coraggio e lucidità da una generazione di militari che con sensibilità avvertì tutto il peso di una vicenda professionale lontana dagli standard (diritti e tutela del lavoro, dignità personale, sociale ed economica…