• Difesa,  Rappresentanza militare,  Sindacato

    Uso dell’abito civile fuori dall’orario di servizio

    Aeronautica militare: Uso dell’abito civile fuori dall’orario di servizio. “Quando un ordine militare diventa arbitrio nell’azione di comando” Legge 382/78 art. 5 comma 3°, testualmente recita che il regolamento di disciplina deve prevedere la sua applicazione nei confronti dei militari che si trovino in una delle seguenti condizioni: a) svolgono attività di servizio; b) sono in luoghi militari o comunque destinati al servizio; c) indossino l’uniforme; d) si qualificano, in relazione a compiti di servizio, come militari o si rivolgono ad altri militari in divisa o che si qualificano come tali. Al comma 6 dello stesso articolo, testualmente recita: “l’uso dell’abito civile è consentito fuori dei luoghi militari, durante le…

  • Associazione,  Difesa,  Parlamento Europeo,  Rappresentanza militare,  Sindacato

    L’alternanza della conservazione

    “IL MINISTRO DELLA DIFESA INCONTRA IL COCER X° MANDATO” Le riforme politiche attuate nell’ultimo decennio ci stanno abituando all’alternanza politica, ossia un mandato governa una coalizione e l’altro chi prima era all’opposizione, se non si è governato bene e i cittadini attuano il cambiamento con il voto. Questo nuovo sistema democratico di rappresentatività, voluto e sostenuto dai cittadini, si è potuto instaurare dopo la caduta del muro di Berlino, dopo la fine dell’impero democristiano e dopo la pulizia politica attuata dai magistrati con l’operazione “mani pulite”. I cittadini, tuttavia, si aspettavano dalla politica dell’alternanza maggiore chiarezza, trasparenza e, soprattutto, linee politiche alternative per poter meglio scegliere quali partiti mandare al…

  • Associazione,  Difesa,  Rappresentanza militare,  Sindacato

    Esubero di Marescialli

    Esubero di Marescialli. Affermazioni avventate, categoria denigrata e strumentalizzata. Recentemente in un quotidiano nazionale, dalla tiratura contenuta, è stato recensito l’intervento fatto dal Gen. Vincenzo Camporini, Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, in occasione di una audizione in Commissione Difesa del Senato sullo stato di attuazione delle leggi 226/2004 e 197/2005, con particolare riferimento alle prospettive evolutive del ruolo delle forze armate nella costruzione del processo di pace, anche in relazione agli altri soggetti coinvolti in tale processo. Riteniamo doveroso intervenire sull’argomento con alcune nostre considerazioni in quanto, sia il “taglio” dato all’articolo dal giornalista, sia quanto affermato dal Capo di Stato Maggiore dell’AM, contengono pesanti offese alla categoria dei…

  • Difesa,  Politica,  Rappresentanza militare,  Sindacato

    Esportare democrazia, ma non averla in Patria. La paradossale mission dei militari italiani

    grnet.it Roma, 8 settembre – (avv. Giorgio Carta) – Siamo inopinabilmente un Paese (impegnato) in guerra, visto che impieghiamo con regolarità nostri connazionali armati all’estero e, non di rado, qualcuno fa ritorno dentro una bara addobbata col tricolore ; senza contare le vittime avversarie e civili che inevitabilmente – per interposta persona – disseminiamo nel nostro peculiare intento di esportare la democrazia a suon di carri armati. Ma rilevarlo non è elegante, stona in qualsiasi contesto e, soprattutto, rischia di urtare trasversalmente troppe coscienze sporche. Tanto più che, come disse Jean Paul Sartre, quando i ricchi si fanno la guerra, sono i poveri che muoiono e, quindi, l’argomento si rivela…

  • Associazione,  Difesa,  Euromil,  Parlamento Europeo,  Rappresentanza militare,  Sindacato

    Il Presidente di EUROMIL Emmanuel JACOB scrive alla Presidente Camera Laura BOLDRINI: riconoscere ai Militari i Diritti Sindacali

    Il Presidente di EUROMIL Emmanuel JACOB, dopo aver scritto, senza ottenere risposte, all’ex Presidente del Consiglio RENZI (durante il semestre europeo da lui presieduto) ed al Ministro Difesa Pinotti, SUL TEMA DEI DIRITTI DEI MILITARI, scrive alla Presidente Camera Laura BOLDRINI: “la recente risoluzione del Parlamento Europeo invita gli stati membri a riconoscere ai Militari i Diritti Sindacali – I Diritti associativi e sindacali migliorano le Forze Armate “. In Europa 34 associazioni e Sindacati Militari di 22 Paesi. In Italia Diritti Negati A Cura di Assodipro Nazionale —————————————————————————- To Ms.     Laura Boldrini President of the Chamber of Deputies Italy  Brussels, July 2017 Signora Presidente,  l’organizzazione Europea di sindacati e associazioni…

  • Associazione,  Euromil,  Rappresentanza militare,  Sindacato

    EUROMIL : per i lavoratori in uniforme

    Also for Workers in Uniform : EUROMIL On 24 November 2016, ASSODIPRO organised a conference at which political, military, trade union and association representatives, as well as lawyers came together. The conference was an opportunity to celebrate and remember the former President of ASSODIPRO, Emilio Ammiraglia, who passed away last year but dedicated many years of his life to the fight for the rights of military personnel. Several representatives and members of EUROMIL were present at the event, namely Emmanuel Jacob, President of EUROMIL, Antonio Lima Coelho, former President of ANS (Portugal) and newly elected Board Member of EUROMIL, as well as Jorge Bravo, President of AUME (Spain). Among the…

  • Euromil,  Parlamento Europeo,  Rappresentanza militare,  Sindacato

    Legislatura 17 Atto di Sindacato Ispettivo n° 3-01283

    Legislatura 17 Atto di Sindacato Ispettivo n° 3-01283 Atto n. 3-01283 (in Commissione) Pubblicato il 9 ottobre 2014, nella seduta n. 328 Svolto nella seduta n. 100 della 4ª Commissione (12/11/2014) MARTON, SANTANGELO – Al Ministro della difesa. – Premesso che: la Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo, il 2 ottobre 2014, ha emesso all’unanimità le sentenze “Matelly vs Francia” (ricorso n. 10609/10) e “ADEFDROMIL vs Francia” (ricorso n. 32191/09), relative al divieto assoluto di costituire sindacati all’interno delle forze armate francesi, ritenendo che vi erano state violazioni dell’articolo 11 (libertà di riunione e di associazione) della Convenzione europea dei diritti dell’uomo; la Corte ha rilevato, in particolare, che…

  • Euromil

    Il divieto generale di costituire sindacati all'interno delle forze armate francesi è contrario alla Convenzione

    COMUNICATO STAMPA Il divieto generale di costituire sindacati all’interno delle forze armate francesi è contrario alla Convenzione La Corte europea dei diritti dell’uomo ha emesso oggi (2 ottobre 2014) la sentenza nel caso Matelly vs Francia (ricorso n. 10609/10). Il caso riguardava il divieto assoluto di costituire sindacati all’interno delle forze armate francesi. La Corte ha ritenuto, all’unanimità, che vi è stata: una violazione dell’articolo 11 (libertà di riunione e di associazione) della Convenzione europea dei diritti dell’uomo. La Corte ha rilevato, in particolare, che la decisione delle autorità nei confronti del sig. Matelly (relativo all’ordine di dimettersi da una associazione di cui era membro) pari al divieto assoluto per…

  • Euromil,  Giustizia,  Parlamento Europeo

    Il divieto generale di costituire sindacati all’interno delle forze armate francesi è contrario alla Convenzione

    COMUNICATO STAMPA Il divieto generale di costituire sindacati all’interno delle forze armate francesi è contrario alla Convenzione La Corte europea dei diritti dell’uomo ha emesso oggi  (2 ottobre 2014) la sentenza nel caso Matelly vs Francia (ricorso n. 10609/10). Il caso riguardava il divieto assoluto di costituire sindacati all’interno delle forze armate francesi. La Corte ha ritenuto, all’unanimità, che vi è stata: una violazione dell’articolo 11 (libertà di riunione e di associazione) della Convenzione europea dei diritti dell’uomo. La Corte ha rilevato, in particolare, che la decisione delle autorità nei confronti del sig. Matelly (relativo all’ordine di dimettersi da una associazione di cui era membro) pari al divieto assoluto per…

  • Parlamento Europeo,  Parlamento Italiano,  Società

    Condizione militare: non ci resta che piangere?

    Roma, 28 dic – (di Emilio Ammiraglia – Presidente Assodipro) Sono trascorsi 35 anni da quando i militari cominciarono a manifestare rumorosamente e pubblicamente la propria inquietudine per l’emarginazione sociale che pativano, per la scarsa considerazione istituzionale di cui godevano, per lo stato di arretratezza della loro condizione economica e non per ultimo per il disagio che vivevano a causa di un attempato militarismo che rendeva faticose le relazioni umane e professionali. Condizioni dure che vennero segnalate con coraggio e lucidità da una generazione di militari che con sensibilità avvertì tutto il peso di una vicenda professionale lontana dagli standard (diritti e tutela del lavoro, dignità personale, sociale ed economica…